fbpx

Contattami

La negatività blocca la creatività

Ti sarà capitato di sicuro anche a te, almeno una volta nella vita, di avere una discussione con qualcuno: poi ritornando a casa e ripensando alla discussione ti sei reso conto di tutto quello che avresti potuto dire e non ti è venuto in mente. Nulla di quelle parole, concetti, riflessioni e ricordi che solo ora in macchina o a piedi riaffiorano come per magia: tutto quello che avresti voluto dire, insomma, ma troppo tardi.

Questo accade perché, quanto sei in uno stato di negatività viene bloccato la tua parte creativa. Sì, perché il problema risiede nel cervello.

La negatività altera le nostre reti neurali e può avere gravi ripercussioni sulla nostra #salute mentale.

In effetti, alcuni neuroscienziati hanno dichiarato che quando si è in uno stato del genere, il cervello produce delle tossine che inibiscono il pensiero creativo: è inevitabile che il cervello troverà più difficoltà a fornire “soluzioni” utili al caso. La negatività, insomma, blocca la #creatività‘.

Queste ricerche inoltre confermano che le onde elettromagnetiche cerebrali caratteristiche della negatività spengono letteralmente i neuroni dell’ippocampo che sono associati alla risoluzione dei problemi.

Quindi, nel momento preciso in cui ci innervosiamo, il cervello non cerca soluzioni, ma vuole rimanere nella negatività.

Inoltre, essere esposti per più di trenta minuti a negatività e chiacchiere superflue provoca danni effettivi a livello cerebrale sia che provengano da persone in carne e ossa sia che si ascoltino dalla TV.

Cosa succede un momento dopo, una volta in relax (in uno stato più utile)? Ecco lì, tutte le risposte efficaci sono affiorate con facilità, ma è troppo tardi come raccontavo prima e ciò forse ti porta a lasciarti andare anche a qualche imprecazione…  A me è successo.

Questo fattore incide moltissimo nella nostre relazioni, in quanto spesso ci troviamo di fronte a persone molto diverse da noi che vedono le cose in maniera diametralmente opposta alla nostra visione delle cose. E’ qui che scatta il conflitto e, il più delle volte, questo non conviene a nessuno durante un’interazione tra una o più persone.  

Sì, è vero… Poi ci sono dei veri e propri stronzi… Ma questo è un altro discorso. 
Se vuoi avere successo, al lavoro, in famiglia e con gli altri, dovete diventare una persona capace di sottrarre energia negativa e portare energia positiva.

Dopo tutto… Chi ha successo? C
hi continua a criticare ogni iniziativa? Oppure chi riesce con il proprio entusiasmo a coinvolgere collaboratori, fornitori e clienti? 

Impara a riconoscere le situazioni in cui si sta creando energia negativa. Impegnati a fare del tuo meglio per interrompere questa energia negativa e accedere alla tua creatività per aggiungere nuova energia positiva alla situazione.

Puoi apprendere come creare, dentro di te, gli stati d’animo funzionali per un’occasione specifica e allenarti nel riprodurli o richiamarli quando ti servono.

La  PNL, in questo caso specifico, è una delle tecniche migliori esistenti DA SEMPRE e offre realmente un ventaglio strepitoso di strumenti per la crescita personale.

Puoi allenarti con un Coach a performare in maniera più efficace durante riunioni e negoziazioni o semplicemente per imparare come tirar fuori risorse per migliorare semplicemente la tua vita relazionale.

Ora puoi approfondire l’argomento scrivendomi, contattandomi personalmente o semplicemente lasciando un commento qui di sotto: sarò felice di risponderti. Grazie!

Ti aspetto, Flavio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *