fbpx

Contattami

Il Coaching: allenamento mentale

Il Coaching è una partnership tra il Coach e il cliente.

Il Coaching è un processo finalizzato al miglioramento delle performance e al raggiungimento di obiettivi di maggior valore attraverso la scoperta e lo sviluppo delle potenzialità personali.

Nel Coaching l’allenamento è la valorizzazione delle potenzialità. E’ un progetto di crescita mirato, con traguardi specifici che facilita il cambiamento attraverso un percorso autorigenerativo.

Il cliente è responsabile di ogni suo passo, il Coach lo aiuta a diventare consapevole dei suoi obiettivi e a realizzarli al meglio in tutti gli ambiti e contesti: lavoro, sport, vita personale. Il Coach fa questo. Non altro.

Un accenno sistematico alla storia

Tim Gallwey (1974) con il suo Inner Game of Tennis fu uno dei primi promotori del Coaching nel contesto degli affari. Poi si sono susseguiti rapidamente altri Coach sportivi di fama nazionale ed internazionale.

Mr. John Whitmore (campione di corse automobilistiche, scomparso nel 2017) vedeva il Coaching come: “Il processo di responsabilizzazione degli altri”.

Come funziona?

La prima fase è conoscitiva e di reperimento di informazioni tramite il processo di Intake session dove il cliente e il Coach stabiliscono i principi base della partnership.

Quest’attività ha una durata massimo di 20-30 minuti e, di solito, non comporta nessuno investimento (come nel mio caso). Può essere effettuata in uno studio o presso il cliente se si tratta di una questione di Business Coaching o di Team Coaching.

Durante questi incontri il Coach supporta il cliente nella focalizzazione dei suoi obiettivi – siano essi personali o professionali – nell’esplorazione di nuove modalità e punti di vista, nella rimozione di eventuali barriere e nell’identificazione di un piano d’azione per raggiungere gli obiettivi con successo. Il Coach stimola il cliente ad assumere l’impegno ad andare oltre i suoi presunti limiti che si presentano in forma di convinzioni limitanti e di veri e propri blocchi emotivi.

Il Coach guida il cliente a “lavorare” sui suoi punti di forza e lo aiuta ad esprimere il suo potenziale ottenendo risultati appaganti e, soprattutto, durevoli nel tempo.

La vision del Coach per me è questa: “Ogni individuo è unico ed ha il potenziale di esprimere il suo talento o i suoi talenti e ne ha diritto”.

Il Coaching, quindi, è uno strumento utile per tutte le persone che si sentono bloccate nel decidere cosa è importante per loro: nella relazione di coppia, nel lavoro o semplicemente nelle relazioni sociali.

Nel business molte aziende oggi utilizzano il Coach per sostenere i manager di tutti i livelli: effettuare un percorso di Coaching consente ai manager di apprendere un approccio comportamentale che accresce la produttività, sviluppa l’autonomia, aumenta il senso di responsabilità e l’orientamento verso il raggiungimento degli obiettivi.

Sono molte le ragioni per le quali una persona o un Team possono scegliere di lavorare con un Coach: alcune tra le principali sono:

– Prendere decisioni consapevoli;
– Qualcosa in gioco (una sfida, un obiettivo protratto o una grossa opportunità) urgente, importante o appassionante, o tutte queste cose insieme;
– Una lacuna di consapevolezza, di capacità, di fiducia o di risorse;
– La richiesta di un lavoro a pieno regime o a stretta scadenza;
– Il desiderio di ottenere risultati più rapidamente;
– Il bisogno di invertire la direzione presa nel lavoro o nella vita personale a causa di un insuccesso;
– Il modo di relazionarsi con gli altri non è efficace o non aiuta la persona a raggiungere i suoi obiettivi prioritari;
– Una mancanza di chiarezza nella persona a fronte delle scelte da fare;
– La persona ha molto successo e questo successo comincia a diventare problematico;
– Mancanza di equilibrio tra il lavoro e la vita privata che genera delle conseguenze indesiderate;
– La persona non ha identificato le sue potenzialità principali né sa come utilizzarle al meglio;
– La persona vuole che il lavoro e la vita siano più semplici, entrambi gli ambiti meno complicati;
– Il bisogno e il desiderio di essere meglio organizzati e sapersi meglio gestire.

Ad oggi sono il Coach di me stesso e do’ tutto quello che ho imparato alle persone che desiderano evolversi nella vita personale e professionale.

Se vuoi saperne di più clicca qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *