fbpx

Team Coaching: il successo della tua azienda

35 Condivisioni

Il Coach per il tuo Team

Sempre più spesso ottime aziende si trovano in grosse difficoltà di crescita o di consolidamento. Pur essendo dotate di risorse finanziarie, risorse umane con skill adeguati, tecnologie, controllo di gestione, ottimi prodotti e una rete vendita di tutto rispetto, non riescono a migliorare le proprie prestazione nei confronti del mercato o della concorrenza.

Senza entrare nel merito degli altri problemi che hanno le aziende in questo momento, ma rimanendo sul tema del Coaching scopriremo che esso è sempre centrale perché improntato sulle risorse umane.

Il più delle volte, infatti, il problema più grande è la mancanza di comunicazione efficace tra i singoli, i gruppi e i reparti di un’azienda.

Non sono la finanza, la tecnologia, la strategia a fare la differenza oggi: è il lavoro di squadra il vero vantaggio competitivo fondamentale sia perché è molto potente sia perché, soprattutto, è molto raro.

Il Team Coaching può essere considerato come un mix perfetto tra formazione, sviluppo e consulenza.

La metodologia che caratterizza un progetto di Team Coaching, si riferisce al “qui e ora” per orientarsi ad un futuro di eccellenza, ovvero passando dall’attualità alla possibilità.

Questa metodologia risponde alla costante esigenza dell’azienda di permettere alle proprie risorse di sviluppare ed armonizzare abilità e competenze dei singoli e del gruppo, fondamentali nelle realtà che vogliono avere successo in un mercato fortemente competitivo.

In un libro di #Team Coaching mi è piaciuta questa affermazione: “Caro amico, se riuscissi a far remare nella stessa direzione tutte le persone che appartengono ad una organizzazione, potresti dominare qualsiasi settore di ieri, oggi e domani”.

La costruzione di un Team è una cosa molto complicata in quanto esso è composto da essere umani imperfetti e, quindi, intrinsecamente disfunzionali.

Come molti aspetti della vita quotidiana, il lavoro di gruppo si riduce a controllare un insieme di comportamenti che teoricamente possono passare come semplici azioni ma che, in realtà e nella pratica, sono complessi e difficili da attuare.

Il Coach esperto in dinamiche di gruppo e di Team Coaching è in grado di sviluppare una serie di comportamenti che vanno nel senso opposto delle disfunzioni. Egli, infatti, sostiene un percorso di crescita fino al conseguimento dell’obiettivo per cui è stato concepito (Team di progetto) o per il corso dell’intera attività aziendale (Team stabile).

Chi è il Coach specializzato nel Team?

È un facilitatore di processo nelle dinamiche di Team.

È un acceleratore di passaggio dal “gruppo” al Team.

Coinvolge e mette in evidenza il potenziale di ogni singolo in modo che si senta parte integrante del progetto.

Fa in modo che ogni singolo esponga con coraggio la propria idea generando confronti attraverso il “giro tavolo” e con delle strategie utili all’acquisizione di fiducia da parte del gruppo e di ogni suo singolo membro.

Stabilisce delle sessioni di gruppo sviluppando una mutua responsabilità da parte di tutti e allinea lo scopo comune.

Gestisce le dinamiche interpersonali dei singoli.

Promuove chiarezza, consapevolezza e focus di esecuzione per il raggiungimento degli obiettivi fissati per gli scopi comuni.

Individua le 5 aree disfunzionali del Team

Cos’è il processo di Team Coaching?

È un processo svolto dal Team Coach il quale, dopo aver conseguito un’idonea specializzazione nelle dinamiche di Team, ha maturato la sua esperienza in azienda o in qualsiasi contesto in cui un Team si trova a cooperare.

Una prima enorme considerazione è stabilire la differenza tra un “gruppo” e un “Team”.

Un gruppo è una serie di persone (da 2 a 10) incentrate sugli interessi individuali e personali piuttosto che su quelli collettivi.

Tutti i membri sono diretti da un unico supervisore, ma non collaborano necessariamente tra di loro per portare a termine i rispettivi incarichi.

Un Team è un gruppo ristretto di persone (da 2 a 15), trasversale all’organizzazione, con competenza e capacità complementari che condividono gli scopi, gli obiettivi da raggiungere, le prestazioni e l’approccio organizzativo.

In un Team si acquisisce una crescita personale e una nuova consapevolezza: le persone si ritengono mutualmente responsabili.

Un Team o vince insieme o perde individualmente.

Come funziona il processo di Team Coaching?

L’attività di Team Coaching prevede una fase di incontro preliminare in momenti separati tra il Team Coach e il committente per stabilire gli obiettivi da perseguire e centrare.

Successivamente, l’incontro avviene tra il Team Coach e il Team Leader per comprendere le dinamiche e gli ostacoli riscontrati.

Infine, ci si incontra tra il Team Coach e i membri del gruppo (compreso il Team Leader)

Questo incontro preliminare si chiama in take e serve a fare chiarezza sugli scopi del Team, a focalizzare l’attenzione sugli obiettivi e a eseguire tutte le fasi di processo di Coaching.

Il Team Coach partecipa alle riunioni del Team ed effettua attività di:

Supervisione-osservazione delle modalità di lavoro: in modo da favorire l’evoluzione di un gruppo in Team.

Partecipazione: attivandola ai lavori del Team (con attenzione ai processi di lavoro e non ai contenuti dello stesso).

Gli obiettivi del Team Coaching

Il Team Coaching è consigliato per ogni gruppo aziendale sia esso temporaneo (di progetto, di scopo) o permanente (ufficio, struttura organizzativa, ecc.). E’ più efficace del Team Building in quanto agisce internamente e direttamente sulle dinamiche interne in azienda e su Team operativi (o che si vogliono costituire).

Inoltre vanno definiti:

  1. Lo scopo, l’identità, i valori, i comportamenti comuni del Team.
  2. Il miglioramento dei processi di comunicazione.
  3. Il coinvolgimento di tutte le persone che in azienda si occupano di marketing, di comunicazione e che sono in contatto con la clientela.
  4. La condivisione delle reti informali e relazionali.
  5. L’individuazione, la definizione e la soluzione dei problemi (Problem Setting e Problem Solving).
  6. Migliorare la capacità decisionale e la risoluzione dei problemi.
  7. Il miglioramento delle prestazioni (performance).
  8. Aumentare l’efficacia, la performance e le sinergie nel Team.
  9. Chiarire la strategia, i ruoli e le responsabilità.
  10. Ottimizzazione della relazione e facilitazione della collaborazione (chance management).
  11. Portare a risoluzione i conflitti.
  12. Migliorare la qualità delle relazioni e della comunicazione.
  13. Rafforzare la leadership individuale e di gruppo.
  14. Risolvere le dinamiche di gruppo.
  15. Formazione e apprendimento.

È dimostrato che l’apprendimento è maggiormente efficace quando comprende la sperimentazione diretta e la collaborazione interna ad un Team.

La prima cosa da fare è quella di determinare la reale necessità di costituire un Team o meno.

Se c’è questa necessità allora significa che solamente un Team è in grado di raggiungere quel tipo di obiettivo.

Che fare allora? Occorre identificare le competenze necessarie per il suo raggiungimento.

A titolo di esempio, riporto le domande che indagano su alcune competenze preliminari al raggiungimento di una sfida importante che il Team è chiamato a raggiungere:

Abbiamo un capo, un Team Manager o un Team Leader?

Questo gruppo (in partenza) riesce a definire gli obiettivi di una riunione ogni volta che si riunisce?

Abbiamo persone che si fidano tra loro?

Queste persone sono in grado di collaborare?

Il processo di Team Coaching è governato dalla ruota del Team: uno strumento molto interessante che analizza, appunto, tutte le 5 aree disfunzionali.

Come si può fare ad instaurare fiducia in un Team?… Beh, non basta una mattinata per implementare concetti di fiducia basati sulla vulnerabilità.

Le tecniche e le modalità descritte in precedenza aiutano molto il gruppo e, operando con sessioni di gruppo, si inizia a sviluppare non più la cultura dell’io ma la cultura del noi iniziando a remare tutti nella stessa direzione.

Un esempio: prendiamo la prima area, quella della FIDUCIA. Tra i membri di un gruppo in cui c’è assenza di fiducia essa si mostrerà probabilmente in questo modo:

  • Occultano le proprie debolezze reciprocamente.
  • Esitano a chiedere aiuto e a fornire feedback costruttivi.
  • Evitano di fornire aiuto al di fuori delle proprie responsabilità.
  • Saltano a conclusioni sulle interazioni e sugli atteggiamenti degli altri senza chiarirli.
  • Non riescono ad utilizzare le rispettive competenze ed esperienze.
  • Serbano rancore.

Hai delle domande e vuoi saperne di più? Contattami semplicemente inviando un’e-mail a: flavio@flavionigrocoach.it. Sarò felice di chiarire, ancora meglio, tutti gli aspetti da te richiesti.

Puoi anche cliccare sul link ed esporre il tuo obiettivo.

    Inserisci la tua migliore email per un contatto diretto

    * Richiesto